In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Melissa P.

Scritto da Massimo D'Ardia   
Venerdì 13 Aprile 2012 14:38

melissapiTitolo originale: Melissa P.

Regia: Luca Guadagnino

Cast: Maria Valverde, Primo Reggiani, Geraldine Chaplin

Musiche: Lucio Godoy

Produzione: Italia, Spagna 2005melissapi1

Genere: Erotico

Durata: 90 minuti

columbia   Trailer

melissapi2

Regia:

Interpretazione: 

Sceneggiatura:

Musica: melissapi3

Giudizio:

 

Trama

Melissa (Maria Valverde) è una ragazzina quasi sedicenne del sud Italia che vive le prime esperienze amorose, purtroppo in modo indelicato e assai leggero. Da giovane vergine diventerà gioco sessuale di compagni di scuola e non solo, credendo solo nella sincerità dei sentimenti di due persone: la nonna e la sua migliore amica.

Recensione

Un film visto con gli occhi femminili (è infatti tratto dal romanzo di Melissa Panarello 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire). Vuole raccontare (anche attraverso scene e parole molto forti) e far capire cosa prova una ragazzina, insicura di sé e dei suoi sentimenti quando, illusa, viene a contatto col mondo del sesso, in un modo estremo e puramente carnale. Dovrebbe far riflettere tante coetanee ansiose di provare certe esperienze, cercando di indurle a conoscere il partner e i suoi sentimenti. Allo stesso tempo dovrebbe invitare i maschietti a non considerare le ragazze unicamente come oggetto di soddisfacimento delle proprie pulsioni sessuali, ma come un dono della natura da rispettare. È una pellicola amara, che purtroppo rispecchia uno spaccato della società (sicuramente non solo italiana) in cui viviamo. Lo si può guardare con lo sguardo da maniaci e trovarlo eccitante, o con gli occhi di chi si rende conto che prima di migliorare il mondo si dovrebbe migliorare la piccola realtà che ci circonda e porsi la domanda: “se quella fosse mia figlia/sorella?”. Non si può vivere di soli istinti, non siamo animali.

melissapi4

L'idea della trasposizione cinematografica del romanzo è venuta a Francesca Neri, produttrice del film

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Giovedì, 20.09.2018
T O P