In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Creepshow

creepshowTitolo originale: Creepshow

Regia: George A. Romero

Cast: Ed Harris, Leslie Nielsen, Hal Holbrook

Musiche: John Harrison

Produzione: USA 1982creepshow1

Genere: Horror

Durata: 120 minuti

warner   Trailer

creepshow2

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura: creepshow3

Musica:

Giudizio:

 

Trama

Cinque episodi: nel primo un vecchio ucciso dalla figlia (Viveca Lindfors) torna dalla tomba per reclamare la sua torta durante la festa del papà; un contadino tardo (Stephen King) trova un meteorite ma ne subisce gli strani influssi; due amanti vengono lasciati annegare dal marito tradito (Leslie Nielsen), ma poi si vendicano facendo ritorno dall’oltretomba; in un laboratorio universitario viene scoperta una misteriosa cassa contenente un mostruoso animale che miete numerose vittime e un professore (Hal Holbrook) ne approfitta per rivalersi sulla moglie arrogante; un cinico e perfido direttore d’azienda viene invaso da una miriade di scarafaggi, per i quali ha una grande fobia.

Recensione

Molti horror anni ’80, se visti oggi, suscitano reazioni opposte al loro vero obiettivo, spaventare: causa dello sgomento ilare è la messinscena artificiosa e proposta con mezzi piuttosto artigianali, sviluppata poi nel successivo decennio e ottimizzata nell’arco di un ventennio. “Creepshow”, invece, sa ancora provocare angoscia e paura nello spettatore moderno grazie alle geniali menti del regista George A. Romero e dello scrittore Stephen King, artisti completi e unici nel confezionare storie cupe e a loro modo terribili. Il film persegue più finalità, l’intrattenimento, la suspence, l’humor grottesco, facendosi assimilare con funzionale leggerezza grazie alla sua divisione a episodi, singole storie dai diversi significati ma uniti da un filo logico costituito dal terrore. Secondo una trattazione fumettistica (la pellicola è resa in modo che sembri il giornalino animato di zio Creep, con le sequenze organizzate come delle vignette), Romero si applica in un gioco di inquadrature che si avvale di un apprezzabile rigore registico, ideale per ricostruire luoghi e situazioni, concedendo enfasi notevole ai primi piani concernenti i personaggi. Al teatrino terribile partecipano celebri attori di Hollywood quali Ed Harris, Leslie Nielsen e Hal Holbrook, cui si aggiunge Stephen King nella parte del contadino Jordy Verrill. Ciascuna storia riveste un particolare significato espresso attraverso il potere pervasivo dell’angoscia e del cinismo orrorifico, ma si rilevi il messaggio, quella sfumatura biblica che vuole la vendetta della vittima in ogni racconto, acutizzando un macabro senso di giustizia che rivaleggia con la violenza fine a se stessa.

creepshow4

Il titolo del film si traduce in italiano con Spettacolo raccapricciante

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Mercoledì, 20.06.2018
T O P