In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

C'era una volta il west

westTitolo originale: C’era una volta il West

Regia: Sergio Leone

Cast: Charles Bronson, Henry Fonda, Claudia Cardinale

Musiche: Ennio Morriconewest1

Produzione: Italia 1968

Genere: Western

Durata: 167 minuti

    Trailerwest2

 

 

 

 

Regia: west3

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica:

Giudizio:

 

Trama

L’intera famiglia McBain viene trucidata dal feroce bandito Frank (Henry Fonda) per conto del magnate delle ferrovie Morton (Gabriele Ferzetti), intenzionato ad appropriarsi della tenuta delle vittime. Quando giunge da New Orleans l’irrequieta Jill (Claudia Cardinale), vedova di un McBain, le cose si complicano e Frank è incaricato di uccidere anche lei. A proteggerla ci pensano il fuorilegge Cheyenne (Jason Robards) e il misterioso pistolero Armonica (Charles Bronson), che ha un conto da regolare proprio con Frank.

Recensione

Sporchi affari, brama di potere, vendetta: sono tutti elementi molto cari a quel Sergio Leone fondatore assoluto del western in Italia. “C’era una volta il West” rappresenta l’apice di genere della carriera del cineasta, rinvigorita dalla celeberrima “trilogia del dollaro” nella quale imperava la sudditanza al denaro, mitigata da un sostanziale senso di giustizia insito nel protagonista interpretato da un giovane attore in erba, Clint Eastwood. In questo ennesimo elogio all’epopea “pistola e polvere” manca il divo americano (Leone aveva pensato la storia proprio per Eastwood, che rifiutò per affrancarsi dal personaggio troppo inflazionato), ma subentra un Charles Bronson adattissimo nella parte di Armonica quanto la sua nemesi Henry Fonda in quella di Frank. Entrambi i caratteri si caricano di mistero e peculiarità: di entrambi non si sa la provenienza, sparano veloce e mostrano un fare spavaldo quanto ardito. Sono loro a capitalizzare la scena, tuttavia fanno breccia nella contesa a distanza la giovane Jill, anche lei all’ombra di un ambiguo passato, il fuorilegge Cheyenne, ironico ma risoluto, e Morton, un uomo d’affari senza scrupoli ma afflitto da una malattia che gli impedisce una normale deambulazione, relegandolo nel suo treno con cui si sposta. La cinepresa di Leone viaggia e scruta, alternando fissità riflessive a leggeri movimenti di macchina più panoramici che tecnici, concentrandosi in prevalenza sui primissimi piani, su dettagli e particolari: la prima sequenza, il confronto fra Armonica e i tre pistoleri, sembra interminabile, prolisso fino all’ossesso. Leone va compreso nelle sue dinamiche, solo così si evince l’importanza di tale sequenza, che valorizza il personaggio creando per lui un legame con il territorio circostante, il rumore del vento, il cielo aperto, la calura, il lento scorrere del tempo. Il frastuono del ferro scuote e scaccia il torpore nell’arco di pochi secondi, la scena si risolve, tutto torna alla propria armonia. Il soggetto è scritto dalla triade atipica composta da Leone, Dario Argento e Bernardo Bertolucci: ognuno infonde alla storia i tratti tipici del proprio incedere registico, introducendo elementi che trovano una sincronia perfetta, essenziale, motivata. Jill è, dunque, l’eroina che si muove con i toni romantici e al contempo drammatici di Bertolucci; il cinismo e l’oscuro celarsi di Frank è invece una chiara impronta dell’Argento maestro del thriller; Leone cura il personaggio di Armonica, memore delle caratteristiche che hanno reso il suo precedente eroe (l’Uomo senza Nome) praticamente leggenda. L’intrigo si affianca con maggiore autorità all’azione, arricchendo una sceneggiatura concepita per esaltare lo spazio percorso dai pistoleri, dando ora la parola al dubbio, alla ragione e infine alla vendetta, solo in ultima analisi al denaro (anche se le numerose banconote che si vedono nel film farebbero pensare al contrario). Ad oggi, “C’era una volta il West” rimane un capolavoro intramontabile in virtù della sua struttura solida e coerente, densa di dialoghi, carica d’azione.

libreria

Dal 2009 la pellicola è un bene culturale preservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Domenica, 22.07.2018
T O P