In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

L'amore bugiardo

Scritto da Serena Sportelli   
Martedì 16 Dicembre 2014 17:24

l'amore bugiardoTitolo originale: Gone Girl

Regia: David Fincher

Cast: Ben Affleck, Rosamund Pike, Kim Dickens

Musiche: Trent Reznor e Atticus Ross

Produzione: USA 2014l'amore bugiardo1

Genere: Thriller

Durata: 149 minuti

  Trailer

l'amore bugiardo2

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: l'amore bugiardo3

Giudizio:

 

Trama

Nick Dunne (Ben Affleck), ex scrittore, diventa il sospettato numero uno quando sua moglie Amy Dunne (Rosamund Pike) scompare nel nulla.

Recensione

Tratto dal bestseller di Gillian Flynn, il film di David Fincher  rischia di offuscare la fama della sua fonte letteraria. Non potrebbe essere altrimenti, vista la bravura del regista che, oltre i cult movie Seven e Fight Club, di recente ha raggiunto vette altissime con gli spietati The social network e Uomini che odiano le donne. E' tuttavia il serial di Netflix House of cards a rappresentare la premessa perfetta per l'ultimo lavoro di uno dei più grandi maestri del thriller americano. Gone Girl si tinge di grigio e si immerge nelle torbide atmosfere musicali create dai fedelissimi Trent Reznor e Atticus Ross che, con la tetra e ossessionante colonna sonora - in particolare con la traccia n°3 Just like you - ci guidano attraverso strade oscure e senza via d'uscita. Fincher ha modo di sfoderare tutte le sue trovate registiche più famose, strizzando l'occhiolino ai propri precedenti lavori e dirigendo un altro grande personaggio che rimarrà impresso per molti anni nella mente degli spettatori, come accaduto con John Doe di Seven (Kevin Spacey), Mark Zuckerberg di The social network (Jesse Eisenberg), la Lisbeth Salander di Uomini che odiano le donne (Rooney Mara) e infine l'algida Claire Underwood di House of cards (Robin Wright). Fincher ci fa amare personaggi difficili da amare, con un percorso iniziale paragonabile sotto una grande vastità di aspetti a quello di Twin peaks di David Lynch, quando si addentra nelle dimensioni narrative del melodramma da soap opera per poi sfociare nella più fincheriana satira mediatica. Gone Girl ha la capacità narrativa di mettere in discussione fino all'ultimo minuto quello che si vede sullo schermo. Capacità notevole e straordinaria poichè sempre più rara nel cinema di genere.

l'amore bugiardo4Per il ruolo di Amy Dunne era stata presa in considerazione Reese Whiterspoon, che poi è rimasta produttrice della pellicola

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Domenica, 22.07.2018
T O P