In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Caccia al ladro

ladroTitolo originale: To catch a thief

Regia: Alfred Hitchcock

Cast: Cary Grant, Grace Kelly, Charles Vanel

Musiche: Lyn Murray

Produzione: USA 1955ladro1

Genere: Thriller

Durata: 100 minuti

    Trailer

ladro2

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura: ladro3

Musica:

Giudizio:

 

Trama

Nell’esclusiva Costa Azzurra si verificano abilissimi furti ai danni di donne ricche, che la polizia imputa all’ex ladro leggenda John Robie (Cary Grant), ritiratosi a vita privata. L’uomo è deciso a scoprire l’identità del misterioso imitatore per potersi scagionare da ogni accusa e coinvolge nel suo stratagemma l’agiata Jessie Stevens (Jessie Royce Landis) e la bellissima figlia Frances (Grace Kelly), della quale finisce con l’innamorarsi.

Recensione

Dall’ennesima pellicola colta e intrigante del maestro del thriller si evince ancora una volta l’immutabilità di uno stile registico sopra le righe e legato a una rigorosa visione di maniera. Tuttavia sotto l’aspetto contenutistico il film di Hitchcock appare meno noir e più estetico, eccedendo in riprese esterne barocche e accalcate che valorizzano maggiormente la bellezza delle location piuttosto che la trama vera e propria. La coppia Grant – Kelly funziona fino a un certo punto, fornendo spessore alla storia d’amore, caldeggiata ma poco concretizzata, trascurando però il motivo della caccia al ladro: troppi dialoghi ingolfano l’azione appesantendo ritmo e movimento. Persino il colpo di scena finale non convince risultando per certi versi prevedibile e poco ricercato. Molta libertà e colore per una vicenda alleggerita da Hitchcock, che si coccola i due divi protagonisti sacrificando il fascino dell’intrigo e del mistero.

cameo

Alfred Hitchcock appare in un cameo, nella scena in cui Cary Grant si trova al fondo dell'autobus

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 20.04.2018
T O P