In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Birth - Io sono Sean

birthTitolo originale: Birth

Regia: Jonathan Glazer

Cast: Nicole Kidman, Anne Heche, Danny Huston

Musiche: Alexandre Desplat

Produzione: USA 2004birth1

Genere: Thriller

Durata: 100 minuti

Trailer

 

birth2

 

Regia:

Interpretazione: 

Sceneggiatura: birth3

Musica:

Giudizio:

 

Trama

Durante la festa di fidanzamento di Anna (Nicole Kidman) si presenta un bambino che sostiene di essere Sean, il marito morto anni prima. Anna ne rimane sconvolta e sembra volergli credere, mentre il resto della famiglia osserva con sospetto.

Recensione

Film sospeso fra intenzioni metafisiche e false apparenze, tentativo di innovazione che naufraga miseramente in uno stucchevole anfratto cinematografico. Il tutto sembra già all’inizio un prodotto stanco, offerto da Jonathan Glazer, produttore di celebri videoclip. La regia non è male, ma risulta troppo statica. Nicole Kidman è sacrificata e sfocia in un’inespressività disarmante, considerando il valore assoluto dell’attrice, smarrita in un ruolo forse troppo ambiguo e apatico. Alla fine del film lo spettatore rimane basito, poichè in realtà la conclusione non soddisfa. Scelta assai discutibile quella delle musiche, sempre fuori contesto.

glazer

Da una dichiarazione del regista Jonathan Glazer si evince che il reale obiettivo del film è quello di mostrare la pazzia alla quale può condurre l'amore.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 20.04.2018
T O P