In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

1408

locandina

Titolo originale: 1408

Regia: Mikael Hafstrom

Cast: John Cusack, Samuel L.Jackson, Mary McCormack

Musiche: Gabriel Yared

Produzione: USA 2007 scena1

Genere: Paranormale

Durata: 104 minuti

    Trailerscena2

 

Regia:

 Interpretazione: scena3

 Sceneggiatura: 

Musica: 

Giudizio: 

 

Trama

 Mike Enslin (John Cusack) è uno scrittore che ha perso sua figlia ed è separato. Nei suoi romanzi si occupa di stanze di hotel abitate da fantasmi, ma in realtà egli non crede più in niente. Un giorno gli viene recapitata una lettera che lo esorta a prendere la stanza 1408 del Dolphin hotel. Il direttore Gerard Olin (Samuel L. Jackson) si oppone, ma alla fine deve acconsentire di fronte all’insistenza di Mike. Vivrà una notte da incubo dalla quale forse non c’è via d’uscita.

Recensione

Un altro agghiacciante romanzo di Stephen King diviene un film per il cinema. La trasposizione è ottimale ma niente affatto perfetta, la sceneggiatura risulta palesemente sconclusionata, con salti temporali e flashback che disturbano l’iter della vicenda, anche se talune scente un po’ ardite in questo senso si rivelano funzionali. Tra psicologia e orrore, la stanza manifesta i suoi tratti incomprensibili e le sue inquietanti presenze, che si materializzano sotto forma di proiezioni, quasi degli ologrammi aleggianti senza pace. Mike lotta per non impazzire e la sua logica fredda e ponderata si scontrerà con l’inconcepibile che accade, oltre ogni razionale previsione. Qualche effetto speciale veramente riuscito e un finale che si fa attendere.

foto

Nella scena in cui Mike si ritrova sulla spiaggia, si può notare l’iscrizione “Psycho” presente sulla tuta: è un chiaro omaggio all’omonimo film di Alfred Hitchcock.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Lunedì, 23.07.2018
T O P