In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Dracula untold

dracula untoldTitolo originale: Dracula untold

Regia: Gary Shore

Cast: Luke Evans, Sarah Gadon, Dominic Cooper

Musiche: Ramin Djawadi

Produzione: USA 2014dracula untold1

Genere: Fantastico

Durata: 92 minuti

   Trailer

dracula untold2

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: dracula untold3

Giudizio:

 

Trama

XV secolo. Le armate turche invadono l’Europa con migliaia di soldati sottomettendo territori e addestrando alla guerra giovani ragazzi. In Transilvania il principe Vlad (Luke Evans) è costretto a pagare un tributo al sultano Mehmed (Dominic Cooper) per salvaguardare il suo popolo. Quando gli invasori minacciano di mettere a ferro e fuoco il feudo, Vlad ricorre al potere di un vampiro oscuro (Charles Dance) per difendere la propria terra. Il prezzo da pagare per la nuova acquisizione soprannaturale sarà però terribile.

Recensione

E’ veramente arduo per un cineasta affrontare il mito di Vlad Draculia dopo che la storia di questo personaggio storico-leggendario è stata calcata con elegante autorialità da un grandissimo come Francis Ford Coppola: il Dracula del 1992, versione più pura e fedele dell’omonimo romanzo scritto dall’irlandese Bram Stoker nel 1897, sanciva l’apoteosi visiva e narrativa di un nobile guerriero che cinema e tv hanno inscritto ormai in un immaginario sempiterno. A Gary Shore non restava che una rilettura action, ma Dracula untold vuol raccontare le origini, la fase cioè più delicata e complessa riguardante un eroe, un character affermato, appunto un mito. Facile dunque cadere nell’imitazione, nella banalizzazione e nell’azzardo, sprofondando in una spirale di ambiguità che, pur insabbiata da pregevoli effetti speciali, rimane palese, fortemente riscontrabile dai cinefili più acuti. Il film di Shore parte bene, anzi benissimo, si carica di interesse conservando un sapore di moderno fantasy, ma si ingolfa malamente entrando nel vizio del collage cinematografico e traendo goffo spunto – in molteplici scene – da quelle che sono già diventate conferme assolute: 300 (la scalata di Vlad della montagna), Il Signore degli Anelli – Le due torri (l’arrivo dei turchi al feudo) e, ovviamente, Dracula (premessa). Sempliciotta e sbrigativa, la pellicola non possiede un’identità, si adatta alle correnti commerciali biascicando note gotiche con la timidezza del falso spavaldo.

dracula untold4

Le riprese del film sono state effettuate in Irlanda del Nord

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Lunedì, 23.07.2018
T O P