In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Captain America

captainTitolo originale: Captain America

Regia: Joe Johnston

Cast: Chris Evans, Hugo Weaving, Hayley Atwell

Musiche: Alan Silvestri

Produzione: USA 2011america1

Genere: Fantastico

Durata: 125 minuti

   Trailer

america2

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura: america3

Musica:

Giudizio:

 

Trama

1942. La seconda guerra mondiale si scatena in Europa e gli Stati Uniti reclutano giovani soldati per contrastare la Germania nazista. Steve Rogers (Chris Evans) vorrebbe arruolarsi ma la sua esile costituzione gli impedisce di unirsi all’esercito americano. Il dottor Erskin (Stanley Tucci) trova in lui il soggetto giusto per un esperimento scientifico rivoluzionario: il ragazzo diviene così una sorta di superuomo dal fisico eccezionale. Inizia l’era di Captain America, l’unico in grado di opporsi al crescente potere dell’Hydra, reparto nazista capeggiato dal perfido Teschio Rosso (Hugo Weaving), venuto in possesso di una pietra capace di sprigionare una straordinaria energia.

Recensione

La pellicola diretta da Joe Johnson corrisponde ad un altro tassello per il grande, imminente spettacolo cinematografico sulla Justice League, il mitico gruppo di supereroi da tempo nei pensieri degli addetti ai lavori. E’ la volta di Captain America, nato anch’esso dall’estro Marvel nel primo decennio del ’900 per affascinare la faccia bellicosa e propositiva della nazione americana. Quest’eroe è una bandiera, un araldo audace e carismatico dello spirito statunitense, un’icona propagandistica certamente efficace. Non risulta difficile carpire il significato della parabola riguardante Steve Rogers, ragazzo gracile ma animato da coraggio e sani valori morali, perdente destinato a prevalere come vincitore in virtù di una forza straordinaria infusa dal mezzo scientifico sperimentale. Johnston ricrea cinematograficamente un mito anteposto alla feroce minaccia nazista, rappresentata dal Teschio Rosso e dalla sua Hydra. Il film si basa essenzialmente sulla lotta fra i due esponenti di diversi modi di concepire la guerra e il progresso, tuttavia ciò che maggiormente pervade tutta la storia risiede nel totale anacronismo vigente: più che un bellico fantastico, “Captain America” tende a fondersi con la parte più spettacolare della fantascienza futuristica, dove imperano raggi laser prima ancor delle pallottole, mezzi avveniristici e logistica aldilà dell’immaginazione dell’epoca. Siamo nel 1942 ma non si ha veramente l’opportunità di rendersene conto. Una buona struttura, insomma, forse però troppo similare per dinamiche e messa in scena a quel poco memorabile “La leggenda degli uomini straordinari” (Stephen Norrington, 2003) che non ha lasciato alcuna traccia nel passato del grande schermo: il Teschio Rosso tanto somiglia a Mister M per la sua sofisticatezza, il suo gioco di maschere e allusioni alla grandiosità; veicoli al di sopra della tecnologia del tempo si alternano in appoggio a personaggi che affrontano situazioni critiche in un ambiente freddo, ostile ma privo di punti di riferimento che indichino uno spazio definito. La sceneggiatura per certi versi speculare non è l’unica pecca, poichè pare impossibile non notare una forzatura evidente, cioè l’inserimento del personaggio di Howard Stark, padre del più celebre Tony (futuro Iron Man), la cui presenza fa riflettere sulla sua età e sulla sua sussistenza nella vicenda, elementi che non collimano riguardo ai tempi. Ciò nonostante, lo spettacolo offre abbastanza garanzie di successo e il finale un sicuro raccordo per i prossimi fuochi pirotecnici.

shield

Lo scudo di Captain America compare anche nei film "Iron Man" e "Iron Man 2".

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 19.01.2018
T O P