In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Beetlejuice

locandinaTitolo originale: Beetlejuice

Regia: Tim Burton

Cast: Alec Baldwin, Geena Davis, Michael Keaton

Musiche: Danny Elfman

Produzione: USA 1988scena1

Genere: Fantastico

Durata: 92 minuti

    Trailer

scena2

   Miglior trucco Ve Neill, Steve LaPorte e Robert Short

 

Regia:

Interpretazione: scena3

Sceneggiatura: 

Musica:  

Giudizio: 

 

Trama

Adam (Alec Baldwin) e Barbara (Geena Davis), due giovani coniugi, muoiono improvvisamente e rimangono intrappolati nel limbo, la loro bella casa. Quando la dimora viene comprata da una famiglia di snob arrivisti, la coppia tenta in tutti i modi di cacciarla, cercando di sfruttare la loro condizione di fantasmi. Dopo vani tentativi, decidono di chiamare in loro aiuto Beetlejuice (Michael Keaton), uno spiritello pasticcione e goliardico.

Recensione

Anche se non uno dei migliori film di Tim Burton, questa commedia fantastica è contraddistinta tuttavia da uno stile unico, reso tale da una regia pittoresca e dal trucco che vinse addirittura l’Oscar. Indubbiamente la sceneggiatura non si discute, ci sono in ballo ottime idee e una concezione dell’aldilà un po’ burlesca che mitiga un dramma comunque presente, la morte di una coppia tranquilla e felice. Tim Burton sa quello che vuole dagli attori, non è un caso che abbia scelto per la parte più intrigante Michael Keaton, il quale risulta davvero esilarante nel ricoprire il ruolo di Beetlejuice. Alec Baldwin e Geena Davis offrono un’interpretazione modesta ma ancora acerba. Sapranno maturare soltanto tempo dopo. Winona Ryder fa quasi tenerezza, ma sa dominare la scena. Due mondi si fondono, la vita e l’oltre misterioso, immaginato come un agglomerato di uffici e sportelli, che recano ovvie code di cadaveri appena dipartiti e personaggi alquanto surreali. Il tutto condito da una colonna sonora costituita da musiche di Harry Belafonte, tra cui spicca la canzone che renderà a dir poco ridicola la cena elegante degli snob. Godetevi la storia e divertitevi con Beetlejuice, uno spiritello imprevedibile e divertente.

foto

La produzione aveva pensato al sequel dall'ipotetico titolo "Beetlejuice va alle Hawaii", tuttavia sia Tim Burton sia gli sceneggiatori hanno rifiutato.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Mercoledì, 17.01.2018
T O P