In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Atto di forza

locandina

Titolo originale: Total Recall 

Regia: Paul Verhoeven

Cast: Arnold Schwarzenegger, Michael Ironside, Sharon Stone

Musiche: Jerry Goldsmith

Produzione: USA 1990scena1

Genere: Fantascienza

Durata: 109 minuti

    Trailerscena2

    Migliori effetti speciali visivi Rob Bottin, Tim McGovern e Alex Funke

scena3

 

 Regia: 

Interpretazione: 

Sceneggiatura: 

Musica: 

Giudizio: 

 

Trama

Douglas Quaid (Arnold Schwarzenegger), muratore edile, decide di rivolgersi alla Total Recall per un innesto di memoria relativo ad un viaggio su Marte. Ma qui egli scopre di essere un agente segreto implicato in un complotto. Giunge, così, sul pianeta rosso in cerca della sua identità e si allea con i ribelli impegnati in una lotta contro un potente politico.

Recensione

Paul Verhoeven offre un saggio della sua abilità registica e costruisce un film fantascientifico potente ed efficace, basato su una sceneggiatura impegnativa e sulla muscolarità recitativa di Arnold Schwarzenegger, che per una volta non sfoggia il suo fisico ma spara e corre molto. Il tema centrale è la colonizzazione su Marte, un sogno che pare realizzabile, e Verhoeven lo immagina in un modo tutto suo, con impianti scavati nella roccia e cupole avveniristiche, popolate da gente di ogni tipo. C’è un po’ di spionaggio e una profonda indagine nell’ego, in un gioco di identità e indizi che rendono la storia un limbo dove realtà e apparenza si confondono, aspettando di essere distinte. Finale sorprendente, che mostra un paesaggio affascinante e un inno alla libertà, oltre ad un futuro non poi così lontano. Oscar per gli effetti speciali visivi, che ad oggi risultano in alcune scene palesemente macchinosi e artefatti, ma all’epoca assolutamente pregevoli.

foto

Nonostante il successo del film, il seguito non venne approvato. Il soggetto fu comunque sviluppato e riproposto, sebbene con nomi e criteri diversi, in "Minority report" di Steven Spielberg.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Sabato, 26.05.2018
T O P