In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra

occhibianchiTitolo originale: The Omega Man

Regia: Boris Sagal

Cast: Charlton Heston, Anthony Zerbe, Rosalind Cash

Musiche: Ron Grainer

Produzione: USA 1971occhibianchi1

Genere: Fantascienza

Durata: 98 minuti

Trailer

occhibianchi2

 

 

 

 

Regia: occhibianchi3

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica:

Giudizio:

 

Trama

Lo scienziato Robert Neville (Charlton Heston) sembra essere l’unico sopravvissuto a un’immane guerra batteriologica che ha spazzato via l’umanità rendendo i restanti esseri umani mostri sensibili alla luce e costretti all’oscurità. In una città deserta, l’uomo va a caccia di mutanti di giorno e si rifugia nella sua casa di notte, respingendo gli attacchi di Matthias (Anthony Zerbe) e dei suoi seguaci.

Recensione

Inizio scioccante quello a cui si assiste: un uomo sfreccia armato con la sua auto rosso fiammante per le strade deserte, fra cadaveri putrefatti, macerie e camion divelti, finchè la cinepresa non allarga svelando un’intera città vacua e ridotta a un crepuscolo indefinito di caos silente. Eppure è questo il prologo imposto dal romanzo “Io sono leggenda” di Richard Matheson, scritto nel 1954 e già fonte d’ispirazione per un altra pellicola di fantascienza, “L’ultimo uomo della Terra” (Ubaldo Ragona, 1964). Il ricorso alla narrazione per flashback pare l’unica soluzione in grado di mettere ordine nell’impianto prima di ogni spiegazione verbale, per risalire inevitabilmente a una guerra batteriologica causa devastante della fine del mondo. Questo cult dello sci fi fluttua fra idee ecologiste e marcate denunce alla condotta dell’uomo, avvezzo all’approccio bellico e all’uso della tecnologia distruttiva, proponendo quello che si può considerare un percorso attraverso le colpe, i risentimenti di coscienza e la nostalgia per un futuro mai raggiunto: emerge un titubante enigma pseudofilosofico che vede contrapporsi la reazione distorta di chi è dovuto soccombere subendo il castigo di una morte sospesa e la difesa di un individuo solo, caparbio ma stanco. L’alternarsi del giorno e della notte soffia così su due realtà obbligate a incrociarsi col favore delle tenebre, empie custodi di un teatro orrorifico dove una setta di incappucciati (la famiglia) abbraccia una folle iconoclastia e l’agonizzante consapevolezza dell’epilogo esistenziale scontrandosi con l’unica speranza di salvezza, rifiutata. Il regista Boris Sagal dimostra una distinta padronanza del mezzo cinematografico, dando forma tangibile ai dettagli di uno sfondo protagonista almeno quanto Robert Neville e la sua lotta contro il male, l’alienazione e la disperazione: negozi vuoti, cantine impolverate, cinematografi sgombri, sono i luoghi in cui il personaggio interpretato da Charlton Heston (meno epico e più drammatico) si muove alla ricerca della risorsa più importante, la sopravvivenza. La pellicola in sè manifesta un istinto famelico e prosaico, incentrata sul potere dell’organizzazione individuale e sui valori caduti. L’immagine, poi, del protagonista immerso nella fontana, bagnato da acqua rossa in una posizione che rievoca in parte la crocifissione cristiana, punta a un finale di sacrificio e liberazione.

occhibianchi4

Le sequenze in esterni del film sono state girate a Los Angeles durante weekend e periodi di vacanza

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Sabato, 26.05.2018
T O P