In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Gamer

Scritto da Massimo D'Ardia   
Lunedì 16 Aprile 2012 08:08

gamerTitolo originale: Gamer

Regia: Mark Neveldine e Brian Taylor

Cast: Gerard Butler, Michael C. Hall, Logan Lerman

Musiche: Geoff Zanelli

Produzione: USA 2009gamer1

Genere: Fantascienza

Durata: 85 minuti

Trailer

 

gamer2

Regia:

Interpretazione: 

Sceneggiatura:

Musica: gamer3

Giudizio:

 

Trama

John Tilman (Gerard Butler), soprannominato Kable, è un carcerato, condannato alla pena di morte, inserito nel videogame di guerriglia urbana Slayer, che ha come personaggi uomini in carne e ossa manipolati tramite microchip impiantati nel cervello. Chi supera trenta vittorie in battaglia vince la libertà e lui è già a 27. La mente contorta ideatrice di tutto ciò è quella di Castle (Michael C. Hall).

Recensione

Film adrenalinico all’ennesima potenza. Gerald Butler interpreta in modo superbo il supercombattente Kable, e per chi l’ha visto, ricorda 300, ma ambientato in un futuro non molto lontano. Michael C. Hall, nei panni di Castle, mantiene le espressioni da disturbato mentale (perfette per questo personaggio) che ormai ha sicuramente fatto sue interpretando tutte le serie televisive di Dexter. Chris ‘Ludacris’ Bridges, per una volta, interpreta un ruolo da buono e non da pappone o malvivente anzi, è il personaggio a capo dell’organizzazione che vuole fermare Castle. Al giorno d’oggi, nell’era dei social network e dei videogame sempre più interattivi, non stupisce più di tanto un’idea del genere. Ormai molta gente per noia arriverebbe davvero – purtroppo – a giocare con la vita di altri esseri umani. Quindi questo film fa riflettere sul drammatico panorama futuristico, portando a chiedersi dove andremo a finire vivendo solo dietro a uno schermo. Una pellicola davvero ben pensata e realizzata: sceneggiatura, interpretazione e scenografia vantano complessità di resa giunte a un gran livello, nonché una musica azzeccata per le sue sfumature tecno-rock. Violenza moderna in una prospettiva che elude concetti macabri.

gamer4

Slayer si ispira vagamente al videogame Call of Duty, la cui copertina appare nel film

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Sabato, 22.09.2018
T O P