In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Mud

mudTitolo originale: Mud

Regia: Jeff Nichols

Cast: Matthew McConaughey, Sam Shepard, Tye Sheridan

Musiche: David Wingo

Produzione: USA 2012mud1

Genere: Drammatico

Durata: 130 minuti

Trailer

 

 

Regia: mud2

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: mud3

Giudizio:

 

Trama

Ellis (Tye Sheridan) e Neckbone, 14 anni, durante una delle loro avventure quotidiane scoprono uno uomo rifugiatosi su un'isola in mezzo al Mississippi. È Mud (Matthew McConaughey): gli manca un dente, ha un serpente tatuato sul braccio, una pistola e una camicia portafortuna. Mud è anche uomo che crede nell'amore, una cosa di cui Ellis ha un disperato bisogno per tentare di dimenticare le tensioni quotidiane tra i suoi genitori. Molto rapidamente, Mud mette i due adolescenti al lavoro per aiutarlo a riparare una barca che gli permetterà di lasciare l'isola. Difficile, tuttavia, per i ragazzi riuscire a distinguere le verità dalle bugie nelle parole di Mud. Ha davvero ucciso un uomo, è davvero in fuga dalla giustizia e dai cacciatori di taglie? E chi è questa misteriosa ragazza appena sbarcata nella loro piccola cittadina in Arkansas?

Recensione

Il regista americano Jeff Nichols “approda” alla sua terza opera con l’avvincente racconto dell’avventura di due ragazzini tra le paludose acque in una cittadina dell’Arkansas. Dopo i promettenti Shotgun Stories e Take Shelter, dove la componente psicologica dominava il mondo degli adulti, Mud analizza le incomprensioni tra genitori e figli e i primi turbamenti adolescenziali. Il cuore del film, di questo racconto di formazione tanto Huckleberry Finn e un po' Stand by Me, è il suo focalizzarsi sul punto di vista di Ellis, sulla sua perdita d'innocenza, sul suo imparare a riconoscere i pericoli e gli inganni dell'amore e della fiducia. Mud è la perfetta continuazione stilistica di un regista originale e coraggioso del cinema nordamericano contemporaneo. Una storia drammatica puntellata di romanticismo, disillusione e momenti thriller che hanno al loro interno diversi motivi di interesse. E' un percorso di formazione, quello del giovane Ellis, adolescente pronto a credere nell'amore ma messo a dura prova dall'imminente divorzio dei genitori, che trova nella figura di Mud una sorta di amico / maestro, un reietto costretto dagli eventi a una continua fuga, nella ricerca esasperata di coronare il suo sogno d’amore. E’ anche la storia di un uomo oppresso dal proprio passato, novello Robinson Crusoe in attesa di un'ancora di salvezza, che trova nell'amicizia sincera di due ragazzini un aiuto inaspettato e la forza di lottare. E' un film d’atmosfera, con un'ambientazione semi-rurale di una cittadina divisa tra tradizione (il padre di Ellis è pescatore) e modernità, in cui il contatto con la natura spesso selvaggia fortifica il cuore dei due giovani protagonisti. Avvincente nella rocambolesca e intensa sparatoria finale, esagerata ma con cognizione di causa. Mud è un'opera ricca di pathos emotivo, un racconto delle fragilità umane, il ritratto di una figura burbera e tenera al contempo, con cui è facile entrare in empatia. Nichols si conferma grande narratore, con una regia sapiente e splendide inquadrature, sia sui paesaggi che sugli attori. Cast assolutamente in stato di grazia: da comprimari di lusso quali Matthew McConaughey, Sam Shepard e Michael Shannon, fino ai due giovani interpreti Tye Sheridan e Jacob Loflande alla bellezza di una dolente Reese Whiterspoon.

mud4

Tye Sheridan ha preso parte al film The tree of life di Terrence Malick

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Giovedì, 20.09.2018
T O P