In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Colpa delle stelle

Scritto da Maria Clara Di Biase   
Lunedì 04 Agosto 2014 13:51

colpa delle stelleTitolo originale: The Fault in Our Stars

Regia: Josh Boone

Cast: Shailene Woodley, Ansel Elgort, Laura Dern

Musiche: Mike Mogis, Nate Walcott

Produzione: USA 2014colpa delle stelle1

Genere: Drammatico

Durata: 125 minuti

   Trailer

 

Regia: colpa delle stelle2

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: colpa delle stelle3

Giudizio:

 

Trama

Hazel Grace Lancaster (Shailene Woodley) è una ragazza di sedici anni che all’età di tredici si trova ad affrontare il male del secolo: il cancro. Grazie a un farmaco sperimentale riesce a sopravvivere, ma a causa della malattia deve abbandonare la scuola; la madre, per timore che la figlia possa isolarsi e deprimersi, la convince a partecipare a un gruppo di supporto per ragazzi malati di cancro. All’inizio non trova alcun sollievo, fin quando non conosce Augustus Waters (Ansel Elgort), portato nel gruppo da Isaac (Nat Wolff) come supporto morale. Hazel cerca di tenere tutti a distanza, perché a causa delle possibili conseguenze della sua malattia si definisce una “granata” che può esplodere in ogni momento e vuole, pertanto, limitare gli “effetti collaterali” sulle persone che le stanno accanto. Grazie, però, all’insistenza di Gus, Hazel instaurerà con lui un rapporto che le farà vivere emozioni e momenti ai quali aveva creduto di dover rinunciare. A unirli è anche la passione di Hazel per il libro “Un’imperiale afflizione” dello scrittore Peter Van Houten (Willem Dafoe), che riuscirà a incontrare proprio grazie ad Augustus.

Recensione

“La colpa, caro Bruto, non è delle stelle ma nostra, che ne siamo dei subalterni”. Da questa frase del Giulio Cesare di Shakespeare nasce l’ispirazione per il titolo del nuovo romanzo di John Green, Colpa delle stelle (2012), dopo Cercando Alaska (2010) e Città di carta (2009). L’adattamento cinematografico è diretto da Josh Boone, regista di  Stuck in Love (2012), mentre la sceneggiatura è curata da Michael H. Weber e Scott Neustadter. Ciò che colpisce del film è la volontà di evitare i soliti cliché delle storie che raccontano la vita di persone malate. Con grande intelligenza e un po’ di sarcasmo, Colpa delle stelle parla dell’amore, della vita e della morte, senza scadere mai in falsi moralismi. A volte si ride, altre si piange (“È questo il problema del dolore. Esige di essere sentito”) ma i personaggi non cercano mai la compassione o la pietà dello spettatore. Nel film, grazie ad Hazel, Gus e Isaac, viene rappresentato un viaggio d’amore e di speranza compiuto da tre ragazzi che conoscono il loro destino affrontandolo in maniera diretta, schietta, senza essere simulatori di un futuro che non possono immaginare, ma di un presente che possono scegliere di vivere con intensità (“Mi hai regalato un 'per sempre' dentro a un numero finito, e di questo ti sono grata”). Il ritmo è scorrevole e lo spettatore viene trascinato in un vortice narrativo e visivo dove il protagonista non è il cancro ma la vita e come si sceglie di viverla. Il film, infatti, non racconta solo l’amore straordinario tra due ragazzi, ma attraverso un linguaggio e un atteggiamento nuovo verso temi come il cancro e la morte trasmette un messaggio d’amore verso la vita stessa.

colpa delle stelle4

La panchina che fa da sfondo a una delle scene del film, girata ad Amsterdam, era stata rubata ma il 7 luglio l’Amsterdam Film Office ha annunciato su twitter di averla ritrovata

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 25.05.2018
T O P