In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Amleto

locandina Titolo originale: Hamlet

Regia: Franco Zeffirelli

Cast: Mel Gibson, Glenn Close, Helena Bonham Carter

Musiche: Ennio Morriconescena1

Produzione: USA, Italia 1990

Genere: Drammatico

Durata: 130 minuti

   Trailerscena2

 

Regia: 

Interpretazione: 

Sceneggiatura: scena3

Musica:

Giudizio: 

 

Trama

Regno di Danimarca. Dopo soli due mesi dalla morte del sovrano, il fratello Claudio (Alan Bates), succeduto al trono, sposa la regina Gertrude (Glenn Close). Una notte al principe Amleto (Mel Gibson) appare lo spettro del padre, che racconta la verità sulla sua morte, causata da colui che è divenuto re. Amleto, fingendosi pazzo, prepara la sua vendetta, sacrificando persino l’amore per la giovane Ofelia (Helena Bonham Carter), la quale soffrirà fino alla follia.

Recensione

Uno dei più raffinati registi italiani porta sul grande schermo un classico della letteratura inglese. Zeffirelli racconta a suo modo le gesta di Amleto e tenta la completezza affrontando poco romanticamente la tragedia shakespeariana. Nel suo stile lineare e profondamente radicato nel rapporto scenografia personaggi, Zeffirelli esclude dubbi e paure, intendendo anche le proverbiali amletiche titubanze: il suo protagonista appare risoluto, spavaldo e ben poco sofferente, intenzionato a perseguire il solo scopo della vendetta senza contrattempi né odissee narrative. Insomma, in questa trasposizione cinematografica si applaudono l’interpretazione di un ottimo cast, in particolare Mel Gibson ed Helena Bonham Carter, e l’ambientazione in aderenza all’epoca, ma altrettanto lascia allibiti la semplicità con la quale il destino di Amleto fa il suo corso. Nella sua struttura dialogica prende corpo un apparato di immagini, sguardi, inquadrature e scorci che costituiscono solo una parte marginale del capolavoro letterario di Shakespeare, e in tal caso il regista opera una sintesi che compromette inevitabilmente l’intensità dei dialoghi ed esilia letteralmente dalla scena il famoso “Essere o non essere”, riducendolo ad un accenno impregnato di velato virtuosismo.

foto

 

E’ il primo film in cui Mel Gibson compare con la barba.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Domenica, 21.01.2018
T O P