In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Changeling

changelingTitolo originale: Changeling

Regia: Clint Eastwood

Cast: Angelina Jolie, John Malkovich, Colm Feore

Musiche: Clint Eastwood

Produzione: USA 2008ch1

Genere: Drammatico

Durata: 140 minuti

    Trailer

ch2

 

Regia:

Interpretazione:  

Sceneggiatura: ch3

Musica: 

Giudizio:

 

Trama

Los Angeles, 1928. Christine Collins (Angelina Jolie) vive con il figlio Walter in un quartiere residenziale della città. Un giorno, però, tornando a casa dal lavoro la donna non trova più il bambino e ne denuncia la scomparsa. La polizia lo cerca e dopo cinque mesi sembra averlo ritrovato, ma Christine è certa che quel ragazzino non sia suo figlio. Il pastore della chiesa di San Paul (John Malkovich), in lotta contro la corruzione e l’abuso di potere da parte del dipartimento di polizia, aiuterà la donna a svelare il mistero.

Recensione

Con il suo usuale stile freddo, preciso e profondamente riflessivo, il regista Clint Eastwood conduce un’indagine umana e psicologica per le strade di una Los Angeles alla fine degli anni ’20, per poi sfumare questo intenso dramma con le tinte del classico thriller moderato. Il film pone come incipit una breve carrellata di immagini in campo lungo descriventi la città moderna americana come appariva in quell’epoca. L’introduttiva illustrazione ambientale viene utilizzata con notevole cognizione da Eastwood per collocare la vicenda nello spazio e nel tempo, facendo adattare lo spettatore al luogo prima che la storia abbia di inizio. L’analisi prosegue con lenti movimenti di macchina in una penombra soffusa che rivelano l’interno della casa di Christine, concentrando l’attenzione sulla piccola sfera esistenziale della madre e del figlio, in relazione allo sfondo metropolitano che li circonda. Un primo tratto caratteristico della regia di Eastwood, già palesato in altri suoi precedenti lavori come "Million dollar baby", riguarda proprio il gioco di luci con il quale la descrizione di un sito scenico viene attuata: in tal caso questa scelta entra perfettamente in sintonia con il mistero sul quale poggia il tema portante del film, vale a dire la scomparsa di minori e la ricerca di una madre che non sa dove sia il proprio figlio, temendo inoltre che egli non sia più vivo. Il dramma interiore, vissuto con lacerante sofferenza e attesa dalla protagonista Christine, si unisce alla preoccupazione dell’opinione pubblica. La donna si ritrova a dover affrontare non solo la sparizione di Walter ma anche un intero dipartimento di polizia che si dimostra ostile, ipocrita e corrotto, impegnato in trame politiche e osservato da vicino da un giornalismo allora incalzante, manipolato a regola d’arte. Christine lotta con armi di per sè svilenti, il dolore, l’angoscia e l’ostinazione, componenti che la conducono ingiustamente all’ospedale psichiatrico, laddove la propria solitudine muta tragicamente in isolamento fatiscente. Il cineasta americano relega una madre in un limbo sospeso fra speranza e disperazione, costruito intorno al personaggio intrappolato in un vero e proprio incubo. La denuncia del pastore in seguito alla tragica esperienza della donna dà il via alla seconda parte della vicenda, che con un montaggio ad alto effetto drammatico e spiazzante genera un fatto non psicologico ma socialmente realistico, un evento di cronaca che prende piede con agghiacciante solerzia e tensione. Il delitto come motivo supposto e poi appurato origina il dubbio, filo sospeso fra speranza ed evidenza, fra amore materno e crimine consumato. L’alternanza efficace fra prospettive, ambienti e stato d’animo personale e collettivo costituisce una struttura solida e importante per l’approdo a un finale incerto. Angelina Jolie, candidata all’Oscar come miglior attrice protagonista, offre un’interpretazione che dà ragione al suo eclettismo artistico, mostrandosi necessaria per raccontare una storia che suscita inquietudine poichè tratta da un fatto di cronaca. Una storia vera.

wineville

La serie di sparizioni e omicidi correlata alla storia vera è conosciuta in America come "Wineville Chicken Murders"

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Lunedì, 23.07.2018
T O P