In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Cop Land

cop land

Titolo originale: Cop Land

Regia: James Mangold

Cast: Sylvester Stallone, Robert De Niro, Harvey Keitel

Musiche: Howard Shore

Produzione: USA 1997copland1

Genere: Azione

Durata: 105 minuti

Miramax    Trailer

 

copland2

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: copland3

Giudizio:

 

Trama

Garrison è una cittadina poco fuori New York, abitata quasi interamente da poliziotti e dalle loro famiglie. Lo sceriffo Freddy Heflin (Sylvester Stallone) è ignaro dei loschi affari condotti da un gruppo corrotto cui fa capo Ray Donlan (Harvey Keitel). Quando però un agente sparisce, Freddy decide di aprire finalmente gli occhi e collaborare con il tenente Tilden (Robert De Niro) nel tentativo di ristabilire ordine e giustizia.

Recensione

Il giovane (ma non per questo inesperto) James Mangold si addentra nella giustizia corrotta attraverso una storia non originalissima ma ben oliata nei suoi ingranaggi. Fioccano attori di gran livello come Robert De Niro, Ray Liotta, Harvey Keitel e un appesantito Sylvester Stallone nei panni dello sceriffo all’apparenza un po’ tontolone. Il personaggio da lui interpretato è sordo da un orecchio (sordità non solo fisica) e presidia le strade percorse dai poliziotti coltivando il sogno impossibile di diventare uno di loro. Intorno a Freddy si alternano vicende contraddistinte da omicidi, violenze, ambigue protezioni, insomma un gioco di specchi sporchi dove il sospetto esula dal normale corso della giustizia. Il film è molto parlato, i dialoghi si mostrano incisivi ed efficaci quanto l’azione che ne consegue. Il circolo chiuso del poliziotto assume l’aspetto del cerchio infrangibile nel quale tutto deve essere lecito. “Cop Land” segue una narrazione lineare riservando interessanti spunti soprattutto nella parte finale.

copland4

Sylvester Stallone viene premiato come miglior attore allo Stockholm Film Festival nel 1997

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Giovedì, 24.05.2018
T O P