In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

"Sai qual è la cosa che più mi ha impressionato?"

caos calmoCaos calmo (Antonello Grimaldi, 2008), sebbene non sia diretto ma solo interpretato da Nanni Moretti, contiene alcune contraddizioni, sofismi mentali e problematiche individuali tipiche dell'attore regista, che non esita mai a portare sul grande schermo la sua dirompente carica intellettuale pronta all'espressione diretta e colma di riflessioni. Il film in questione, da non considerarsi comunque una pellicola morettiana, nella sua apparente staticità evidenzia il comportamento dell'individuo dopo una tragedia e il rapporto variegato con la massa e il singolo, sia esso collega, amico o parente. Il fulcro dell'umanità del protagonista e il tentativo di risorgere dalla situazione drammatica vigente confluiscono nella figura di Claudia, la figlia di Pietro, con la quale egli adotta un atteggiamento di protezione e velata sincerità emozionale. Lo spazio condiviso da entrambi rappresenta un rifugio sacro, isolato, in cui l'intimità familiare si accosta all'innocenza di una bambina che capta segnali importanti dall'interiorità del padre, interagendo nel modo più naturale. Di seguito un dialogo estrapolato dalla storia, significativo nella sua semplicità, profondo nel messaggio intrinseco. Claudia si sveglia durante la notte nella sua camera, chiamando Pietro ancora desto davanti al computer.

Claudia: Papà...papà...

Pietro (entra nella stanza): Che c'è tesoro? Hai fatto un brutto sogno?

Claudia: Dove stavi andando?

Pietro: Quando?

Claudia: Prima!

Pietro: Prima adesso quando mi hai chiamato?

Claudia: Sì, dove stavi andando?

Pietro: Da nessuna parte! Dai, stavi facendo solo un brutto sogno! Dai, rimettiti giù!

Claudia: Però non sembrava un sogno...

Pietro: Eh, perchè i brutti sogni non sembrano mai sogni...Dai, domattina già te lo sei dimenticato! Buonanotte!

Claudia: Papà, sai qual è la cosa che mi ha fatto più impressione in tutta la mia vita?

(Pietro corruccia il viso, pensando alla madre di Claudia morta di fronte a lei)

Claudia: Quando ho scoperto che mia nonna era anche tua mamma!

Pietro accenna un sorriso, constatando che l'innocenza della figlia è rimasta intatta.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Martedì, 21.08.2018
T O P