In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Marion Cobretti, detto "Cobra"

Scritto da Samuele Pasquino   
Martedì 30 Gennaio 2018 16:45

marion cobretti1Nel 1986 fa la sua comparsa in una pellicola main stream un personaggio che sembra mediare fra due icone di altrettante saghe cinematografiche, Rocky Balboa e John Rambo. Questo personaggio è Marion Cobretti, non una donna come falsamente indicherebbe il nome, bensì un uomo, un poliziotto della “sezione gasati” (l’etichetta arriva da un collega smidollato e invidioso, logorato dal potere che non ha sui criminali) di stanza a Los Angeles, città di un’America violenta dove “viene commesso un furto ogni 11 secondi, un’aggressione ogni 65 secondi, un reato di sangue ogni 25 secondi, un omicidio ogni 24 minuti e 250 violenze carnali al giorno”.

In questo clima apocalittico, Marion Cobretti s’impone all’attenzione con il soprannome di "Cobra", il rettile che rapido colpisce e uccide con incredibile piglio risoluto. marion cobretti2Il serpente si vede chiaramente nella sua nitida stampa a colori sul calcio della pistola medio calibro utilizzata da Cobretti per freddare uno spietato rapinatore di un supermercato. È il simbolo della sua condotta e tutto il resto corrisponde a un look completamente asservito all’eroe anni ’80. Sylvester Stallone, all’apice della forma, veste attillato, scuro e con blue jeans che ne definiscono la muscolatura di cosce e polpacci, occhiali da sole a specchio e uno spolverino dal quale difficilmente si separa.

Il Cobra è uno specialista sia nelle armi da fuoco che in quelle da taglio, opera con guanti che gli garantiscono una salda impugnatura e lavori puliti senza inquinamento di prove. marion cobretti3Nel contrastare la Belva della Notte e la sua terribile setta di assassini, il poliziotto si avvale di armi automatiche e di una vettura a quattro ruote anacronistica ma efficacissima: la sua Ford Custom Mercury 1949 Monterey (nel film di Cosmatos se ne utilizzano in tutto quattro, due del 1949, due del 1950) targata California AWSOM 50 è una bellezza bombata color grigio dal design marcatamente vintage e sufficientemente maneggevole negli inseguimenti. I suoi cerchioni splendono e il motore riserva una sorpresa, cioè può recuperare km di velocità con l’azionamento della leva Nitro ad armare le bombole per l’ultraimpulso sulla potenza. Una curiosità riguarda proprio l’auto guidata da Cobra: nel 1994 venne trafugata dal garage di Stallone per poi essere ritrovata nel 2011 dall’attore che, rivolendola indietro a tutti i costi, accettò di sborsare una somma pari a 250.000 dollari.

Tornando a Cobretti, lui è un timido ma proprio per la sua riservatezza attraente a tal punto da conquistare l’ammirazione e il cuore di una testimone ricercata dalla setta, la statuaria modella Ingrid Knudsen interpretata da Brigitte Nielsen, al tempo moglie del buon Sylvester. Se prima era la solitudine a permeare la quotidianità del Cobra, il futuro fatto presagire dalla pellicola indica un percorso a due dove i protagonisti, il poliziotto e la bella, camminano insieme, ma sempre con un’arma a disposizione.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Martedì, 25.09.2018
T O P