In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Anfitrione, l'assassino dei re

anfitrione1Può un mortale rubare letteralmente la scena a un semidio? Anche se quel semidio porta il nome di Eracle, il più potente figlio di Zeus?

L'uomo in questione è Anfitrione, sovrano di Tirinto, greco valoroso e talmente bramoso da conquistare perfino se stesso. Renny Harlin così lo dipinge nel suo Hercules - La leggenda ha inizio. Guida il suo esercito alla volta di Argo, la cinge d'assedio e la espugna entrando fiero con il proprio stupendo destriero nero, pronto a sfidare a duello il re in persona per prendersi tutto a fil di spada. Non c'è storia: Anfitrione, busto vigoroso, altezza rilevante, arti poderosi e fibra muscolare straordinaria, sovrasta l'avversario fino ad afferrarlo per il collo e sollevarlo con un solo braccio per scaraventarlo a terra e infliggergli il colpo di grazia. anfitrione2Acclamato anche dagli avversari, che riconoscono la sua audacia, Anfitrione rappresenta il conquistatore per eccellenza, soprannominato "assassino dei re" per la sua tendenza a giustiziare i propri pari senza lasciare concorrenti con poteri regi. Eccolo divenire tiranno, sprezzante della pace e incapace di una diplomazia che non vada direttamente a suo vantaggio. Quando scopre la moglie giacere con Zeus, il suo urlo è di quelli che risuonano in una notte ventosa, ferito dal tradimento a tal punto da volersi vendicare degli dei che non riconosce come facenti parte del suo Pantheon religioso. anfitrione3Anfitrione è un uomo che crede unicamente in se stesso, non ha fiducia nel figlio Ificle, che deve suo malgrado nominare erede al trono a scapito di Eracle, mandato a morire (almeno così egli crede) in una missione impossibile. Il figlio illegittimo, tuttavia, ritorna per affrontare il padre: eccoli, uno dinanzi all'altro, l'uomo e il semidio, il tiranno e l'eroe. La lotta sembra avere un esito scontato ma Eracle non ha subito la meglio sul patrigno: Anfitrione fa valere la maggior tecnica nel combattimento a mani nude e nell'arte della spada, forte di grande esperienza e di un fisico da titano in terra. Il giovane Eracle subisce tutta la furia del re, cade più volte sotto i colpi terribili del sovrano, esita, ricade, poi acquisisce consapevolezza della propria natura divina e, inevitabilmente, vince. Anfitrione è sconfitto, ma la sua tenacia contro il semidio imprime nello spettatore la memoria di un mortale feroce battuto soltanto dal potere di Zeus.

Nel film lo impersona l'attore Scott Adkins, artista marziale specialista in taekwondo, kickboxing e lottatore di MMA (Mixed Martial Arts) per due anni.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Domenica, 22.07.2018
T O P