In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Beetlejuice, lo spiritello porcello

beetlejuiceMai giocare con gli spiriti! Questo è un monito lanciato chiaramente dal film "Beetlejuice", diretto nel 1988 dal grande Tim Burton. Il protagonista assoluto, fatta eccezione per Adam e Barbara Maitland, è proprio Beetlejuice (scritto in realtà Betelgeuse), uno spirito sciatto e volgare, burlone, cinico e molto cattivo se provocato, che interviene quando chiamato per uccidere i viventi allo scopo di dar pace alle anime defunte. Egli si sistema e vive nel plastico della cittadina costruito da Adam e attende che qualcuno pronunci il suo nome per tre volte alfine di poter tornare in vita. Nel corso dell'indagine condotta dai coniugi per scoprire che tipo di personaggio è Beetlejuice, emergono particolari alquanto bizzarri sul trascorso dello spiritello porcello: si diletta in stregoneria, laureato alla "Harward Business Culo", diviene bioesorcista e aiutante dell'assistente tombale Juno finché non decide di mettersi in proprio combinando un sacco di guai. Le sue capacità risultano certamente notevoli, ha infatti un grande talento nello spaventare e nel manifestarsi in forme diverse e mostruose. Tuttavia la sua inclinazione ai disastri e alla perfidia, unita all'attrazione per le belle donne, lo rende una mina vagante assai pasticciona.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Domenica, 21.01.2018
T O P