In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Il Cryptex: l'oggetto oltre l'invenzione

Scritto da Samuele Pasquino   
Mercoledì 08 Novembre 2017 17:31

cryptex1Come proteggere un segreto che potrebbe far crollare le certezze e le tesi di un'istituzione, la Chiesa Cattolica, dando così adito a una totale riscrittura del Nuovo Testamento? Lo scrittore Dan Brown ha dato una risposta inventando diversi escamotage atti a raggiungere lo scopo, quello cioè di preservare la grande rivelazione del Santo Graal, il Sang Real, il Sangue Reale, fulcro argomentativo del best seller mondiale Il codice Da Vinci, da cui è stata evinta nel 2006 l'opera cinematografica di Ron Howard.

Libro e opera cinematografica indagano a fondo fra verità e inventio narrando una battaglia a distanza fra l’Opus Dei e il Priorato di Sion, nella quale viene suo malgrado cryptex2coinvolto il professor Robert Langdon, che si ritrova presto fra le mani un oggetto che non avrebbe mai sperato di possedere, il cryptex. Il nome è un neologismo sincratico composto dalle parole cryptology e codex, le quali hanno rispettivamente i significati di “crittologia” (la disciplina che studia le scritture nascoste, i metodi per criptarli e le relative decifrazioni) e “codice”, sinonimo usato in epoca medievale per indicare un “manoscritto”. Il cryptex corrisponde materialmente a un cilindro cavo con intelaiatura in ottone, sul quale compaiono cinque dischi rotanti in marmo paralleli l’uno all’altro e recanti ciascuno le lettere dell’alfabeto: attraverso di esse possono essere formate parole di cinque caratteri. Lo strumento è nella fattispecie un omologo di un lucchetto a combinazione e la sua funzione è quella di nascondere all’interno un papiro con informazioni da mantenere segrete. Solo conoscendo l’esatta parola vi si può accedere, difatti i dischi disposti nel giusto ordine allineano tacche interne permettendo l’apertura. Il papiro è avvolto intorno a una fiala d’aceto (già l'aceto, il liquido acido di cui venne imbevuta la spugna accostata alla bocca di Gesù Cristo assetato sulla Croce), sicché una forzatura manuale del sistema provoca inevitabilmente la rottura del dispositivo e la fuoriuscita del liquido con corrosione del papiro: il segreto verrebbe così perduto per sempre.

cryptex3Sebbene Dan Brown faccia più volte riferimento a Leonardo Da Vinci per attribuirvi la paternità del cryptex, il dispositivo è assolutamente immaginario, realizzabile certo, ma di dubbia efficacia in un’era dove la tecnologia potrebbe facilmente annullarne l’utilità. Fermo restando che, come tutti i sistemi a combinazione, può essere aperto procedendo nel classico "metodo forza bruta", vale a dire per tentativi (ma va riconosciuto che quando intercorre il fattore tempo, questo metodo risulta logicamente incompatibile), è altresì vero che la combinazione verrebbe facilmente scoperta analizzando i componenti interni con i raggi X. Ci si affida alla fisica per poter semplicemente congelare la fiala, ergo solidificare l’aceto mettendo il cryptex in un normale freezer, e rendendo così sicura la forzatura senza danni al papiro, che non verrebbe così bagnato.

Al di là di tutte queste considerazioni, quello descritto da Dan Brown rimane uno strumento di indubbio fascino.

P.S. (in questo caso non l'acronimo di Princess Sophie ma il più comune Post Scriptum latino) Robert Langdon apre il cryptex componendo la parola apple, la mela che ispirò Isaac Newton - secondo il romanzo uno degli illustri affiliati al Priorato - per l'elaborazione della Legge della gravitazione universale.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Martedì, 21.08.2018
T O P