In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Ride

Scritto da Jacopo Maletti   
Lunedì 27 Agosto 2018 21:14

rideTitolo originale: Ride

Regia: Jacopo Rondinelli

Cast: Lorenzo Richelmy, Ludovic Hughes, Simone Labarga

Musiche: Andrea Bonini e Massimiliano Margaglio

Produzione: Italia 2018ride1

Genere: Thriller

Durata: 102 minuti

   Trailer

ride2

 

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: ride3

Giudizio:

 

Trama

Max (Lorenzo Richelmy) e Kyle (Ludovic Hughes) appassionati di sport estremi, partecipano a una corsa segreta in mountain bike per l’allettante premio di 250.000 dollari. Scopriranno troppo tardi di essersi spinti oltre le loro capacità fisiche e psicologiche, in quello che si dimostrerà essere tutt’altro che una semplice competizione.

Recensione

Il cinema italiano è in fermento. Sempre più registi tornano al genere consegnando prodotti tutt’altro che perfetti ma pieni di pontenziale e ritmo. Ride di Jacopo Rondinelli è uno di questi, un film con sequenze d’azione velocissime, complici le action cam GoPro installate sui protagonisti che restituiscono il loro punto di vista delle fasi in corsa, gettando lo spettatore in un'avventura senza tregua il cui montaggio forsennato passa dalle telecamere dei protagonisti, dai droni alle telecamere di sorveglianza installate lungo il tortuoso percorso. Ride, oltre a essere un puro film di genere, cerca di farsi avanguardia utilizzando la tecnologia video oggi esistente, riprendendo ogni sequenza, da quelle d’azione alle dialogate in interni, approdando in maniera incredibilmente disinvolta ai dispositivi elettronici quali smartphone e computer portatili, rendendo la pellicola estremamente mobile anche nelle fasi dialogiche, poco fluide e molto forzate in verità, che gravano purtroppo su un'esperienza d’azione molto interessante e dinamica. Ride è un concentrato di stimoli e linguaggi, concatenazioni fra youtube e videogiochi con la schermata punteggio e la mappa del percorso che compaiono costantemente sui visori dei protagonisti, i tempi che vengono scanditi dalle scritte livello in sovrimpressione. La resa risulta visivamente spettacolare, tanto che a conclusione di tutto si esce dalla sala col cervello centrifugato e con un impellente bisogno di un succo d’arancia. Nota di merito la colonna sonora, con temi elettronici mischiati alle sonorità 8-bit che danno una maggiore sensazione ispessendo il coinvolgimento, l'impressione viva di essere all’interno di un videogame, quando invece ci troviamo di fronte a un film che conosce e sfrutta al meglio i nuovi strumenti visivi unendoli a un montaggio folle ma mai confusionario. Dietro a tutto questo c'è il genio creativo dei talentuosi Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, due che non si accontentano mai: nel corso della loro fresca carriera in ascesa hanno ideato, scritto, diretto e prodotto fondendo con disinvoltura i diversi ruoli tecnici. Ride rappresenta un ulteriore passo verso un futuro che si prospetta radioso in quanto cinema figlio legittimo del Terzo Millennio.

ride4

Il film è stato girato nelle foreste del Trentino Alto Adige

 

 

Copyright immagini: Lucky Red

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Mercoledì, 26.09.2018
T O P