In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

La ragazza nella nebbia

Scritto da Andrea Parolini   
Domenica 29 Ottobre 2017 15:48

la ragazza nella nebbiaTitolo originale: La ragazza nella nebbia

Regia: Donato Carrisi

Cast: Toni Servillo, Alessio Boni, Jean Reno

Musiche: Vito Lo Re

Produzione: Italia, Francia, Germania 2017la ragazza nella nebbia1

Genere: Thriller

Durata: 127 minuti

   Trailer

la ragazza nella nebbia2

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: la ragazza nella nebbia3

Giudizio:

 

Trama

Ultimamente non è un bel periodo per l'ispettore Vogel (Toni Servillo). Dopo un incidente in macchina, si ritrova a rispondere alle domande di uno psicologo (Jean Reno) che probabilmente vuole inchiodarlo. Qualche giorno prima, Vogel era andato in quel di Avechot, anonimo paesino sperduto in mezzo alle montagne, per indagare sulla scomparsa di una giovanissima ragazza, tra mass media affamati come avvoltoi, un'inquietante comunità di fondamentalisti cristiani e quella nebbia...

Recensione

La ragazza nella nebbia è la prima regia di Donato Carrisi, autore dell'omonimo romanzo, un successo in Italia e anche all'estero. Il film si sviluppa attraverso soluzioni visive e narrative tipiche del noir, ma ci sono anche numerosi riferimenti a Twin Peaks (il tipo di paesino e i suoi abitanti, tutti pieni di sorprese) e alla corrente hard boiled (la disillusione che domina su tutto), non a caso uno dei protagonisti dice che un grande scrittore deve copiare da chi lo ha preceduto. La regia è molto buona, le luci curatissime e i colori desaturati trasmettono perfettamente la sensazione di gelo invernale, mentre lo sguardo della telecamera segue i personaggi molto da vicino, rivelandosi quasi morboso, soprattutto nei momenti in cui i protagonisti si trovano da soli a riflettere. Le uniche riprese ad ampio respiro sono quelle di Avechot, o meglio del plastico che lo raffigura, durante l'alba e il tramonto, metafora della fasulla facciata che nasconde i sordidi segreti dei vari personaggi. Tra le varie lame di luce al chiuso e la minacciosa nebbia notturna, si muovono attori che danno un'ottima prova del proprio talento, dal sempre perfetto Servillo a un bravissimo Alessio Boni, ambiguo e sfuggente al punto giusto, fino alle comparse che parlano con quel tipico accento marcato dei paesini di montagna. Purtroppo non manca qualche piccola incertezza, ma si tratta di un'opera prima, quindi è normale che ci siano, non pregiudicano né la visione né la comprensione della trama, che attraverso un meccanismo a scatole cinesi, termina con una spiazzante sorpresa.

la ragazza nella nebbia4

Il libro è ormai catalogato come best seller internazionale

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 24.11.2017
T O P