In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Thor: Ragnarok

Scritto da Sofia Peroni   
Venerdì 20 Ottobre 2017 10:44

thor: ragnarokTitolo originale: Thor: Ragnarok

Regia: Taika Waititi

Cast: Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Mark Ruffalo, Cate Blanchett

Musiche: Mark Mothersbaugh

Produzione: USA 2017thor: ragnarok1

Genere: Fantastico

Durata: 130 minuti

Trailer

thor: ragnarok2

 

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: thor: ragnarok3

Giudizio:

 

Trama

Sconfitto Ultron insieme ai suoi amici Avengers, Thor (Chris Hemsworth) si ritrova imprigionato nel pianeta Sakaar dopo aver perso il suo martello. Trasformato in un vero e proprio gladiatore, sarà costretto ad affrontare il campione in carica per potersene andare: Hulk (Mark Ruffalo). Nel frattempo, su Asgard si abbatte la furia della dea della Morte, Hela (Cate Blanchett), e la venuta dell’imminente Ragnarok sembra inarrestabile.

Recensione

Il dio del tuono torna sul grande schermo per il capitolo conclusivo della sua trilogia, iniziata nel 2011. Separato dalla squadra dei Vendicatori, il figlio di Odino fa ritorno a casa per trovarvi il fratello adottivo, Loki (Tom Hiddleston), ad amministrarne le sorti. Dal ricongiungimento dei due, diversi avvenimenti assottiglieranno il velo divisorio tra la realtà e i sogni premonitori di Thor su un’imminente catastrofe: il Ragnarok. Nella tradizione norrena esso coincide con il giorno dell’Apocalisse, in cui bene e male si scontreranno in un’epica battaglia che condurrà alla fine del mondo. In questo caso di Asgard, pianeta natio di Thor, il quale tenterà di cambiarne il destino. Tuttavia, il ritorno dell’antica dea della Morte sarà il primo passo verso l’annichilimento. Hela, resuscitando il suo vecchio esercito, entrerà nel palazzo del re Odino (Anthony Hopkins), esigendo il trono e professandosi erede legittima. Thor verrà spedito a Sakaar, pianeta del Gran Maestro (Jeff Goldblum) in cui si tengono acclamati incontri tra gladiatori di ogni provenienza. Catturato da una guerriera misteriosa e costretto a scendere nell’arena, Thor si ritroverà faccia a faccia con il suo “collega di lavoro” Hulk, campione in carica. Questo, non riconoscendolo, lo attaccherà e ciò conduce all’atteso ed epico scontro fra titani, sotto lo sguardo divertito di Loki, ormai nelle grazie del Gran Maestro. Di Bruce Banner, all’interno del Golia verde, non ve ne è più traccia ma Thor ha bisogno del suo amico per fuggire da quel pianeta e andare a salvare il suo. Alleanze inattese e sorprendenti lo condurranno alla formazione di un nuovo Team, i Revengers, proprio mentre sulla Terra si stanno affrontando brutalmente i suoi amici Avengers, divisi dopo gli accordi di Sokovia. Moltissime le analogie con i due volumi dei Guardiani della Galassia, così la diciassettesima pellicola marveliana è uno spettacolo, in tutti i sensi. Quasi catapultato nell’arena di Sakaar, al proprio posto, ad ammirare le sorti del tuonante dio, il pubblico resta estasiato, soggiogato e ammaliato da un perfetto mix di suoni, colori e scene d’azione. Una miscela vincente che deve coprire le tracce di una sceneggiatura scricchiolante per questo epilogo della trilogia. Eppure resta incredibile l’ascendente stregante che la Marvel gioca, puntualmente, con sagaci battute, sequenze adrenaliniche e ben calibrate al ritmo di colonne sonore impeccabili. Non mancano scene eterogeneamente commoventi ed esilaranti, camei vari e ritorni di volti familiari ai masticatori del genere. Non ci resta che attendere con ancora più febbricitante emozione l’arrivo di Infinity War nel 2019, in cui Thor tornerà nelle schiere dei Vendicatori, insieme a validi e noti nuovi alleati per salvare il cosmo dalla minaccia più grande mai affrontata: Thanos.

thor: ragnarok4

Il regista Taika Waititi si è ispirato al Jack Burton di Grosso guaio a Chinatown per mettere in scena lo spavaldo Thor

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 24.11.2017
T O P