In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Vittorio De Sica

Scritto da Samuele Pasquino   
Venerdì 18 Marzo 2011 10:16

vittorio de sica

Il processo Clemenceau, regia di Edoardo Bencivenga (1917)

  • La bellezza del mondo, regia di Mario Almirante (1927)
  • La compagnia dei matti, regia di Mario Almirante (1928)
  • La vecchia signora, regia di Amleto Palermi (1931)
  • Due cuori felici, regia di Baldassarre Negroni (1932)
  • Gli uomini, che mascalzoni!, regia di Mario Camerini (1932)
  • La segretaria per tutti, regia di Amleto Palermi (1932)
  • Un cattivo soggetto, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1933)
  • La canzone del sole, regia di Max Neufeld
  • Il signore desidera?, regia di Gennaro Righelli (1933)
  • Lisetta, regia di Carl Boese (1934)
  •   

    • Tempo massimo, regia di Mario Mattoli (1934)
    • Amo te sola, regia di Mario Mattoli (1935)
    • Darò un milione, regia di Mario Camerini (1935)
    • Lohengrin, regia di Nunzio Malasomma (1935)
    • Non ti conosco più, regia di Nunzio Malasomma (1936)
    • Ma non è una cosa seria, regia di Mario Camerini (1936)
    • L’uomo che sorride, regia di Mario Mattoli (1936)
    • Questi ragazzi, regia di Mario Mattoli (1937)
    • Il signor Max, regia di Mario Camerini (1937)
    • Napoli d’altri tempi, regia di Amleto Palermi (1937)
    • La mazurka di papà, regia di Oreste Biancoli (1938)
    • Partire, regia di Amleto Palermi (1938)
    • Hanno rapito un uomo, regia di Gennaro Righelli (1938)
    • L’orologio a cucù, regia di Camillo Mastrocinque (1938)
    • Le due madri, regia di Amleto Palermi (1938)
    • Castelli in aria, regia di Augusto Genina
    • Ai vostri ordini, signora!, regia di Mario Mattoli (1939)
    • Grandi magazzini, regia di Mario Camerini (1939)
    • Finisce sempre così, regia di Enrique T. Susini (1939)
    • Rose scarlatte, regia di Giuseppe Amato e Vittorio De Sica (1939)
    • Manon Lescaut, regia di Carmine Gallone (1940)
    • Pazza di gioia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
    • La peccatrice, regia di Amleto Palermi (1940)
    • L’avventuriera del piano di sopra, regia di Raffaello Matarazzo
    • Teresa Venerdì, regia di Vittorio De Sica (1941)
    • Un garibaldino al convento, regia di Vittorio De Sica (1942)
    • La guardia del corpo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (anche sceneggiatura) (1942)
    • Se io fossi onesto, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (anche sceneggiatura) (1942)
    • I nostri sogni, regia di Vittorio Cottafavi (anche sceneggiatura) (1943)
    • Nessuno torna indietro, regia di Alessandro Blasetti (1943)
    • L’ippocampo, regia di Gian Paolo Rosmino 
    • Non sono superstizioso… ma!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia  (1943)
    • Il mondo vuole così, regia di Giorgio Bianchi (1946)
    • Roma città libera, regia di Marcello Pagliero (1946)
    • Abbasso la ricchezza!, regia di Gennaro Righelli (anche soggetto e sceneggiatura) (1946)
    • Lo sconosciuto di San Marino, regia di Michal Waszynski e Vittorio Cottafavi (1947)
    • Domani è troppo tardi, regia di Léonide Moguy (1949)
    • Buongiorno, elefante!, regia di Gianni Franciolini (anche produzione) (1951)
    • Cameriera bella presenza offresi…, regia di Giorgio Pàstina (1951)
    • I gioielli di Madame de…, regia di Max Ophüls (1953)
    • Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
    • Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
    • Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
    • L’allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
    • Vergine moderna, regia di Marcello Pagliero (1954)
    • La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
    • Gli ultimi cinque minuti, regia di Giuseppe Amato (1955)
    • Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
    • Pane, amore e…, regia di Dino Risi (1955)
    • Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
    • Il bigamo, regia di Luciano Emmer (1955)
    • I giorni più belli, regia di Mario Mattoli (1955)
    • Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
    • I colpevoli, regia di Turi Vasile (1956)
    • Souvenir d’Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1956)
    • Noi siamo le colonne, regia di Luigi Filippo D’Amico (1956)
    • Padri e figli, regia di Mario Monicelli (1956)
    • Tempo di villeggiatura, regia di Antonio Racioppi (1956)
    • Montecarlo, regia di Samuel Taylor e Giulio Macchi  (1956)
    • Casinò de Paris, regia di André Hunebelle (1957)
    • Pane, amore e Andalusia, regia di Javier Setó  (1957)
    • Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi (1957)
    • La donna che venne dal mare, regia di Francesco De Robertis (1957)
    • Il medico e lo stregone, regia di Mario Monicelli (1957)
    • Vacanze a Ischia, regia di Mario Camerini (1957)
    • Totò, Vittorio e la dottoressa, regia di Camillo Mastrocinque (1957)
    • Addio alle armi, regia di Charles Vidor (1957)
    • Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
    • Ballerina e buon Dio, regia di Antonio Leonviola (1958)
    • Gli zitelloni, regia di Giorgio Bianchi (1958)
    • Pezzo, capopezzo e capitano, regia di Wolfgang Staudte (1958)
    • Anna di Brooklyn, regia di Reginald Denham e Carlo Lastricati  (1958)
    • Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
    • Uomini e nobiluomini, regia di Giorgio Bianchi (1958)
    • La ragazza di Piazza San Pietro, regia di Piero Costa (1958)
    • Nel blu dipinto di blu (Volare), regia di Piero Tellini (1958)
    • Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1958)
    • La prima notte, regia di Alberto Cavalcanti (1958)
    • Ferdinando I, re di Napoli, regia di Gianni Franciolini (1959)
    • Gastone, regia di Mario Bonnard (1959)
    • Il generale della Rovere, regia di Roberto Rossellini (1959)
    • Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
    • Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)
    • Il nemico di mia moglie, regia di Gianni Puccini (1959)
    • Vacanze d’inverno, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
    • Napoleone ad Austerlitz, regia di Abel Gance (1960)
    • La sposa bella, regia di Nunnally Johnson e Mario Russo (1960)
    • Le tre eccetera del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
    • Le pillole di Ercole, regia di Luciano Salce (1960)
    • Un amore a Roma, regia di Dino Risi (1960)
    • Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
    • La baia di Napoli, regia di Melville Shavelson (1960)
    • La miliardaria, regia di Anthony Asquith (1960)
    • Gli attendenti, regia di Giorgio Bianchi (1961)
    • L’onorata società, regia di Riccardo Pazzaglia (1961)
    • Le meraviglie di Aladino, regia di Mario Bava ed Henry Levin (1961)
    • I celebri amori di Enrico IV, regia di Claude Autant-Lara (1961)
    • La Fayette, una spada per due bandiere, regia di Jean Dréville (1961)
    • I due marescialli, regia di Sergio Corbucci (1961)
    • Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
    • Eva, regia di Joseph Losey e Guidarino Guidi (1962)
    • Le avventure e gli amori di Moll Flanders, regia di Terence Young (1965)
    • Io, io, io… e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
    • Gli altri, gli altri e noi, regia di Maurizio Arena (1966)
    • Un italiano in America, regia di Alberto Sordi (1967)
    • Colpo grosso alla napoletana, regia di Ken Annakin (1968)
    • Caroline Chérie, regia di Denys de la Patellière (1968)
    • L’uomo venuto dal Kremlino, regia di Michael Anderson (1968)
    • Se è martedì, dev’essere il Belgio, regia di Mel Stuart (1969)
    • Una su 13, regia di Nicholas Gessner e Luciano Lucignani (1969)
    • Cose di Cosa Nostra, regia di Steno (1970)
    • Trastevere, regia di Fausto Tozzi (1971)
    • Io non vedo, tu non parli, lui non sente, regia di Mario Camerini (1971)
    • L’odore delle belve, regia di Richard Balducci (1972)
    • Siamo tutti in libertà provvisoria, regia di Manlio Scarpelli (1972)
    • Grande slalom per una rapina, regia di George Englund (1972)
    • Le avventure di Pinocchio, regia di Luigi Comencini  (1972)
    • Ettore lo fusto, regia di Enzo G. Castellari (1972)
    • Storia de fratelli e de cortelli, regia di Mario Amendola (1973)
    • Il delitto Matteotti, regia di Florestano Vancini (1973)
    • C’eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola (1974)
    Regista cinematografico
    • Teresa Venerdì (anche sceneggiatura e attore) (1941)
    • Un garibaldino al convento (anche sceneggiatura e attore) (1942)
    • L’ippocampo di Gian Paolo Rosmino  (1943)
    • I bambini ci guardano (anche sceneggiatura) (1943)
    • La porta del cielo (anche sceneggiatura) (1944)
    • Sciuscià (anche produzione) (1946)  (Miglior film straniero)
    • Ladri di biciclette (anche produzione e sceneggiatura) (1948) (Miglior film straniero)
    • Domani è troppo tardi di Léonilde Moguy  (1949)
    • Miracolo a Milano (anche produzione e sceneggiatura) (1950)
    • Mamma mia, che impressione! di Roberto Savarese  (1951)
    • Umberto D. (anche produzione) (1952)
    • Stazione Termini (1953)
    • L’oro di Napoli (anche sceneggiatura) (1954)
    • Il tetto (anche produzione) (1955)
    • Pane, amore e Andalusia di Javier Setó (supervisione alla regìa) (1957)
    • Il moralista di Giorgio Bianchi  (1959)
    • La ciociara (1960)
    • Il giudizio universale (1961)
    • I sequestrati di Altona (1962)
    • Il boom (1963)
    • Ieri, oggi, domani (1963) (Miglior film straniero)
    • Matrimonio all’italiana (1964)
    • Un mondo nuovo (1965)
    • Amanti (1968)
    • I girasoli (1970)
    • Il giardino dei Finzi Contini (1970)   (Miglior film straniero)
    • Lo chiameremo Andrea (1972)
    • Una breve vacanza (1973)
    • Il viaggio (1974)
     
    © 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
    Giovedì, 20.09.2018
    T O P