In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Festival del Film di Roma: si entra nel vivo

Scritto da Roberto Baldassarre   
Venerdì 24 Ottobre 2014 09:39

l'attore cubano Tomas MilianLa seconda giornata del Festival Internazionale del Film di Roma diviene più ricca e con molti più titoli consoni a una kermesse internazionale. Di prima mattina tre proiezioni dal sapore autoriale e di diverso stile: il femminile Still Alice di Richard Glatzer, con Julianne Moore e Kristen Stewart; l'assaggio delle prime due puntate del nuovo serial (ma già assurto a cult) The Knick, firmato da Steven Soderbergh e con Clive Owen; l'affresco semi documentaristico sulla scena musicale elettronica francese, Eden, della regista Mia Hansen-Love. In tarda mattinata altra carrellata di pellicole provenienti da varie parti del mondo: il fantasioso Lo strano viaggio di T.S. Spivet in 3D di Jean-Pierre Jeunet; il solido film d'inchiesta giornalistico The Lies of the Victories di Christoph Hochhausler; il thriller para-psicologico brasiliano Quando Eu era vivo di Marco Dutra.

scena del film Quando Eu era vivoNel primo pomeriggio, come di consueto, spazio agli incontri con gli artisti. Mentre la sala per la conferenza stampa per la pellicola di Marco Dutra è quasi vuota, quella di Eden va un po' meglio. Di tutt'altro tenore la conferenza stampa per i primi due episodi di The Knick. All'incontro con i giornalisti è presente Clive Owen, il carismatico protagonista. Il momento migliore è l'incontro tra Tomas Milian e il pubblico: la Sala Petrassi è completamente piena, tra giornalisti, fotografi e, soprattutto, fans. L'incontro è moderato da Giona A. Nazzaro e l'intervistatore è Manlio Gomarasca, che ha appena pubblicato per la Rizzoli il libro-confessione-intervista Monnezza amore mio. Dopo un breve montaggio video con le interpretazioni più note dell'attore cubano, entra Milian e la sala lo accoglie con un'infinita ovazione, fatta di applausi e boati di gioia. Milian, mentre cerca di proferire le prime parole il regista Park Chan-wookper ringraziare, non riesce a trattenere le lacrime. Cessata momentaneamente quest'estasi d'accoglienza, Gomarasca gli pone subito la prima domanda, la semplice richiesta di spiegare perché è passato dal cinema autoriale al cinema popolare. E' qui che Milian, con punte di commozione, incomincia a divagare nel raccontare la vesta aneddotica, perdendosi nel suo lungo racconto. Questa sua prolissità affabulatoria (un misto di italiano, inglese e spagnolo) piace e commuove i presenti, ma purtroppo divora l'ora di tempo concessa e non vi è spazio per altre domande, in particolare quelle del pubblico.

A metà pomeriggio riprendono anche le proiezioni delle varie sezioni. Lo Studio 3 è nuovamente scena di una piccola discussione tra accreditati e organizzatori: la sala è molto piccola e le interessanti opere che vengono ospitate creano sempre problemi per la gestione dei posti, generando malumori. La proiezione in questione è quella della pellicola  inglese X + Y di Morgan Matthews. Nella stessa fascia oraria, anticipato dall'entrata sul Red Carpet di Park Chan-wook, la presentazione del cortometraggio, finanziato da Ermenegildo Zegna, A Rose Reborn, piccola opera autoriale che raccoglie molti applausi. A seguire l'incontro con l'apprezzatissimo autore coreano.

In prima serata vi sono le repliche di alcune pellicole passate in mattinata e nella giornata di ieri. È di quest'oggi, poi, l'effettivo funzionamento a pieno regime della sezione Wired Next Cinema, che si svolge tutta nella sede distaccata del Maxxi.

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 15.12.2017
T O P