In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Festival del Film di Roma: polemiche d'apertura

Scritto da Roberto Baldassarre   
Venerdì 24 Ottobre 2014 08:58

l'organizzatore del festival Marco MullerLa nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma si apre alle ore 9,00 di mattina con Soap Opera di Alessandro Genovesi e con un ricco cast che va da Diego Abatantuono a Fabio De Luigi passando per Cristiana Capotondi e Ricky Memphis. Questa apertura “acqua e sapone” aveva destato, fin dall’inizio della pubblicazione del cartellone della Kermesse, dubbi e sbeffeggiamenti, ma durante la proiezione riservata alla stampa, la pellicola ha strappato qualche sorriso e qualche gustosa risata. In tarda mattinata un’altra pellicola italiana ha avuto l’onore di aprire un’altra sezione del Festival, cioè quella di Alice nella città, spazio autonomo riservato alla proiezione di opere indirizzate a un target giovane e che verranno giudicate da una giuria di adolescenti: Mio papà, di Giulio Base e con Giorgio Pasotti e Donatella Finocchiaro. Purtroppo quest’opera di Base non è stata accolta benissimo.

il cast di Soap OperaNel primo pomeriggio, per spezzare il tempo delle proiezioni e dare un po' di respiro alle iridi, viene dato spazio alle conferenze stampa. La prima è riservata all’incontro con il Presidente del Festival Paolo Ferrari e il Direttore Artistico Marco Muller. La sala è quasi vuota e, dopo il saluto di benvenuto e di ringraziamento di Marco Muller, la manciata di domande che viene rivolta ai due esponenti del Festival è alquanto rovente. Viene chiesto rapidamente perché Joe Dante e Takeshii Mike hanno dato forfait (ma subito è stato risposto che è ci è stato un qui pro quo informativo); lo “scandalo” di far aprire il Festival Internazionale a una pellicola semplice e “italiota” (Muller ha spiegato che questo è il nuovo corso, traghettare il Festival fino a una Festa popolare); se ci sono dati parziali sulle entrate pecuniarie per il Festival: in parole spicce, se il cartellone di questa nona edizione ha incrementato gli spettatori. La risposta viene data dal Presidente Ferrari, che benevolmente rassicura l’intervistatrice e la sala, ma non fornisce dati e cifre. 

il cast di Mio PapàA seguire la conferenza stampa/assaggio di Tomas Milian, che viene premiato nel tardo pomeriggio con il Marc’Aurelio Acting Award. Inoltre, il giorno dopo (17 ottobre) vi sarà una lunga conferenza stampa per presentare la sua biografia: Monnezza amore mio, curato da Manlio Gomarasca. La breve conferenza viene completamente assorbita da Milian, che per rispondere alla prima e unica domanda (perché ti è tanto caro il personaggio di Monnezza?) prosciuga i 30 minuti imposti. Per concludere il tempo delle conferenze stampa, c’è quella riservata a Soap Opera. Sul palco, presente tutto il cast e i produttori. Purtroppo, nei quaranta minuti concessi, le poche domande vengono tutte rivolte a Genovesi, fatta eccezione per qualche battuta rilasciata dagli attori.

Nel tardo pomeriggio ricominciano le proiezioni, equamente divise tra le repliche di quelle avvenute di mattina - che divengono aperte anche al pubblico - e qualche altra proiezione riservata alla stampa. Tra queste va menzionata quella di Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet 2D di Jean-Pierre Jeunet. Purtroppo, a causa della mal gestione e lungimiranza dell’organizzazione, tale proiezione viene relegata nella piccola sala Studio 3, quindi più della metà dei critici non può assistere alla pellicola. Non sono stati lesinati gli insulti per questa grave noncuranza. Scatta poi l’ora del Red Carpet, che porta all’effettiva e sfavillante apertura con tutti i crismi del Festival. Già dall’ora di pranzo i fans, o semplici curiosi di lambire con lo sguardo qualche star, si erano appollaiati vicino alle transenne. La prima a sfilare è la madrina Nicoletta Romanoff; a seguire il cast di Soap Opera (che viene riproposto in proiezione), il cast di Mio papà e infine Joe Dante, che con grande preoccupazione era stato dato per mancante.

La prima giornata si è svolta cautamente. Polemiche più che applausi e con dubbi sulla qualità delle pellicole.

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Venerdì, 15.12.2017
T O P