In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Biografilm Festival 2014: decima edizione

Scritto da Roberto Baldassarre   
Venerdì 06 Giugno 2014 09:57

biografilm festival1Prende il via il 6 giugno 2014 a Bologna il Biografilm Festival, che quest’anno giunge alla sua decima edizione. Festival di nicchia, rispetto agli sfarzosi e noti festival principali, il Biografilm è riuscito a confermare nella sua decennale esistenza una costante tenuta e un notevole incremento di partecipazione sia da parte del pubblico e sia da parte degli addetti ai lavori. Festival che ha sempre mirato a presentare e raccontare grandi e/o piccole storie di singole persone, di popoli, di nazioni o anche del mondo intero. Storie che potessero suscitare nel pubblico non solo interesse, ma anche emozionare e, soprattutto, far riflettere. In questi dieci anni il programma del Biografilm si è man mano ingrandito anche per il forte incremento di produzione del genere biopic e per la forte “rinascita” del documentario cinematografico. Il festival durerà fino al 16 giugno, composto da 8 sezioni e altrettanti omaggi e eventi speciali. Ma andiamo per punti.

WHAT’S CULTURE? La speciale sezione Celebracion di questo importante anniversario dal doppio lustro si intitola proprio What’s Culture? Ecco come viene descritta: «Che cos’è la cultura? Come la creiamo e come la esprimiamo? Il Festival tenta di rispondere a queste domande tramite una selezione di documentari che da un lato esplorano i temi e le idee e le testimonianze dei grandi personaggi del mondo della Cultura, dall’altro raccontano la Cultura attraverso quelli che sono i suoi luoghi e le sue 'cattedrali'». In questa sezione, composta da 14 pellicole, viene presentato in anteprima mondiale il documentario L’Orchestra. Claudio Abbado e i musicisti della Mozart di Helmut Failoni e Francesco Merini. Altre ghiotte visioni sono Burroughs: The Movie di Aaron Brookner, documentario monografico girato tra il 1978 e il 1983; il documentario episodico in 3D Cathedrals of Culture di Karim Ainouz, Michael Glawogger, Michael Madsen, Robert Redford, Wim Wenders, Margreth Olin. Il visionario Is the Man Who Is Tall Happy? An Animated Conversation with Noam Chomsky di Michel Gondry; la ricognizione artistica National Gallery del maestro Frederick Wiseman; l’omaggio a uno dei talenti artistici del cinema italiano, Piero Tosi 1690, l’inizio di un secolo di Francesco Costabile. Infine il particolare omaggio al gruppo artistico Zimmerfrei, composto da Massimo Carozzi, Anna de Manicor e Anna Rispoli. I Zimmerfrei sono riusciti a creare un connubbio/crossover tra cinema, arti visive, musica e performance. Al Biografilm portano i documentari che compongano la serie Temporary Cities e presenteranno in anteprima italiana La beauté c’est ta tête, che darà origine a un nuovo progetto.

biografilm festival2BIOGRAFILM EUROPA. Per celebrare la decennale esistenza, il Biografilm Festival espande il suo programma per dare maggiore spazio al cinema di finzione, creando per il genere biopic la sezione Biografilm Europa, che accoglierà le migliori pellicole a tema biografico provenienti dai 28 paesi dell’Unione Europea. Andrea Romeo, Direttore Artistico del Festival, sottolinea il perché di questa nuova sezione: «I film biografici sono in questo momento in Europa una delle più riuscite sintesi tra cinema e televisione, tra narrazione autoriale e vocazione divulgativa.». In questa neonata sezione sono già presenti dei titoli che fanno venire l’acquolina in bocca: il grottesco Frank di Lenny Abrahamson e con Michael Fassbender; la brillante commedia The French Minister di Bertrand Tavernier; il dramma romantico How I Live Now di Kevin Macdonald; l’esistenziale La Jalousie di Philippe Garrel; il biopic Jimi: All is By My Side di John Ridley; l’omaggio a un mito dell’Est Europa, Walesa: Man of Hope di Andrzej Wajda. Completano la sezione gli omaggi ai registi Lenny Abrahamson e a Nicolas Philibert.

CONCORSO INTERNAZIONALE. Viene confermato anche quest’anno l’appuntamento con il Concorso Internazionale, una selezione di 10 anteprime italiane che concorreranno al Best Film Unipol Award Biografilm Festival 2014 per il miglior film; al Best Award Biografilm Festival 2014 per il travolgente racconto biografico e al Richard Leacock Award alla migliore opera prima. L’apparato giuridico è composto dal produttore Danny Bramson (Presidente di Giuria), il documentarista Nicolas Philibert,  il regista/sceneggiatore e produttore Sebastián Lelio, e gli sceneggiatori italiani Ludovica Rampoldi e Marco Pettenello. Nel programma della sezione degni di nota alcuni titoli: lo straziante congedo Farewell to Hollywood di Henry Corra e Regina Diane Nicholson; l’omaggio allo strano impresario ma dal gran fiuto Michael White, The Last Impresario di Gracie Otto; il seguito sull’artista sovversivo Ai Weiwei The Fake Case di Andreas Johnsen.

biografilm festival3CONTEMPORARY LIFE. Riconfermata anche quest’anno, la sezione è incentrata sui personaggi e i temi che hanno maggiormente segnato il nostro presente. La sezione è composta da 12 pellicole. Ecco un paio di titoli molto interessanti: l’attuale Everyday Rebellion di Arman T. Riahi e Arash T. Riahi; Femen – Ukraine Is Not a Brothek di Kitty Green; Joe di David Gordon Green e con Nicolas Cage.

BIOGRAFILM ITALIA. Tale sezione presenta i migliori documentari biografici della recente produzione nazionale. La giuria eletta per valutare questa sezione nostrana sarà composta dal regista e sceneggiatore Stefano Sardo, la produttrice e distributrice Serena Gramizzi e da Paolo Geremei, vincitore della scorsa edizione. La Deutsche vita di Alessandro Cassigoli e Tania Masi; Mare Magnum di Letizia Gullo ed Ester Sparatore; Rustam Casanova, un vita d’artista di Lorenzo Cioffi e Alessandro De Toni. Completano e impreziosiscono la sezione tre anteprime speciali: Linee d’ombra di Francesco Crispino; Saluti da Miran di Giampaolo Penco; The Good Life di Niccoló Ammanniti. Infine gli omaggi ai documentaristi Piperno e Ferrente, al viaggiatore Corso Salani e all’internazionale Daniele Calcaterra. In più una sezione nella sezione: Appunti per film, dove verranno presentati tre cortometraggi: Clare, un’ambasciatrice a Roma di Alessandra Bonavina; Sexy Shopping di Antonio Benedetto e Adam Selo; Il toro di Wall Street di Nello Correale.

BEST OF FEST. Sezione composta da una selezione di opere documentarie che hanno avuto molto clamore nei Festival internazionali. Il programma è composta da 6 pellicole. Nella sezione spiccano Finding Vivian Meier di John Maloof e Charlie Siskel; Os Caminhos de Jorge di John Maloof e Charlie Siskel; Fuoco amico: Il caso di Davide Cervia di Francesco Del Grosso.

BEST OF BIO. Per il decimo anniversario il Biografilm apre anche un’altra sezione con la (ri)presentazione dei film più amati della stagione. Anche questo programma è composto da 6 opere, tra cui si evidenziano: Stories We Tell di Sarah Polley; The Act of Killing di Joshua Oppenheimer.

Infine, ulteriore novità di questa edizione, la nascita di Bio To B, un networking che si svolgerà in tre giorni (12-14 giugno) e sarà dedicato alla promozione di documentari biografici e biopic di finzione. Questo nuovo progetto, che va ad arricchire il Festival, viene realizzato in collaborazione con D.E.R. (Documentaristi Emilia-Romagna) e con il supporto della Regione Emilia-Romagna. I compratori italiani e internazionali, i distributori e i professionisti del cinema avranno la possibilità di saggiare nuove produzioni italiane ed emiliano-romagnole e di prender parte a tavole rotonde incentrate su project development, pitching, funding, new media e distribuzione di documentari biografici. Durante il Festival ci saranno anche eventi a latere molto interessanti, come il tributo a una fondamentale coppia artistica del documentario, Chris Hegedus e Donn Alan Pennebaker, attraverso tre loro opere: Don’t Look Back su Bob Dylan; Jimi Plays Monterey sul mito Hendrix; The War Room sulle elezioni presidenziali del 1992.

Per quanto riguarda il Celebration of Lives Award, premio con cui il Festival ogni anno gratifica un grande autore che con la sua opera ha lasciato un indelebile segno, quest’anno c’è una grossa novita: il premio verrà dato a ben 5 autori, cioè Michel Gondry, Danny Bramson, Donn Alan Pennebaker, Nicolas Philibert e Ulay.

Il Biografilm Festival si svolgerà presso la Cineteca di Bologna, il Cinema Arlecchino e il Cinema Odeon. Per maggiori informazioni su accrediti e sul calendario controllare il sito del Festival.

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Sabato, 21.10.2017
T O P